Il lavoro prende le mosse dalla tensione tra multiculturalismo e "diritti delle donne", nascente dalla circostanza che molte delle comunità di immigrati stanziate nelle società democratiche sono organizzate intorno a culture patriarcali. Lo scritto si sofferma, in particolare, sul del "velo islamico" e sulle mutilazioni genitali femminili, mettendo in luce come erroneamente entrambe le usanze vengano, talvolta, considerate ugualmente lesive del principio della parità tra i sessi. Si tratta, secondo l'A., di problematiche diverse, in quanto coinvolgenti valori costituzionali non coincidenti: solo nel secondo caso, infatti, entra in gioco l'integrità psico-fisica delle donne ed, in particolare, delle bambine. Appunto per questo, mentre la legge francese sul "foulard" appare frutto di un bilanciamento squilibrato, la normativa italiana che punisce le mutilazioni genitali appare ragionevole. Essa, inoltre, non si limita a colpire tale usanza, ma prevede anche l'instaurazione di un "dialogo" tra le culture, mediante la predisposizione di strutture ad hoc.

Variazioni sul tema: “conflitti multiculturali e diritti delle donne”. L’affaire du foulard in Francia e le mutilazioni genitali femminili in Italia

SALAZAR, Carmela Maria Giustina
2010

Abstract

Il lavoro prende le mosse dalla tensione tra multiculturalismo e "diritti delle donne", nascente dalla circostanza che molte delle comunità di immigrati stanziate nelle società democratiche sono organizzate intorno a culture patriarcali. Lo scritto si sofferma, in particolare, sul del "velo islamico" e sulle mutilazioni genitali femminili, mettendo in luce come erroneamente entrambe le usanze vengano, talvolta, considerate ugualmente lesive del principio della parità tra i sessi. Si tratta, secondo l'A., di problematiche diverse, in quanto coinvolgenti valori costituzionali non coincidenti: solo nel secondo caso, infatti, entra in gioco l'integrità psico-fisica delle donne ed, in particolare, delle bambine. Appunto per questo, mentre la legge francese sul "foulard" appare frutto di un bilanciamento squilibrato, la normativa italiana che punisce le mutilazioni genitali appare ragionevole. Essa, inoltre, non si limita a colpire tale usanza, ma prevede anche l'instaurazione di un "dialogo" tra le culture, mediante la predisposizione di strutture ad hoc.
978-88-498-2763-7
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/20.500.12318/10217
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact