La misura invariante del linguaggio classico: l’esempio dei templi di Selinunte tra armonia e colore