Lo studio dell'oggetto reale non è rappresentato solo da un generalizzato potenziamento del consumo di prodotti ottenuti per la creazione, stimolo o soddisfazione di esigenze indotte, di bisogni, di brand accelerati, che conducono ed implicano inesorabilmente ad accumuli e conseguenti problemi di dismissione dei manufatti obsoleti... E' da molto tempo che il design non è più solo legato alla produzione reiterata di manufatti e componenti: anzi già negli anni '60 si teorizzava sul "fallimento" dei presupposti del "boom" industriale di massa e di come la soddisfazione illimitata di tutti i desideri non comportasse il vivere bene.

Tutto è metafora… o quasi/ E tutto è design… o quasi! in “Il Dastec si racconta, a cura di AA.VV., ediz. Gangemi, Roma, marzo 2008, pp. 146-54

POLIDORI, Cecilia
2008

Abstract

Lo studio dell'oggetto reale non è rappresentato solo da un generalizzato potenziamento del consumo di prodotti ottenuti per la creazione, stimolo o soddisfazione di esigenze indotte, di bisogni, di brand accelerati, che conducono ed implicano inesorabilmente ad accumuli e conseguenti problemi di dismissione dei manufatti obsoleti... E' da molto tempo che il design non è più solo legato alla produzione reiterata di manufatti e componenti: anzi già negli anni '60 si teorizzava sul "fallimento" dei presupposti del "boom" industriale di massa e di come la soddisfazione illimitata di tutti i desideri non comportasse il vivere bene.
978-88492-1411-6
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/20.500.12318/10441
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact