Il nuovo Codice della crisi d’impresa e dell’insolvenza, oltre a modificare il codice civile, intervenendo sugli assetti organizzativi societari e particolarmente sulle s.r.l., innova l’impianto normativo fallimentare con la previsione di una “procedura di allerta e di composizione assistita della crisi”. La disciplina dei contratti pendenti non è rimasta immune al processo riformatore de quo, tant’è che il legislatore ha avvertito l’esigenza di cristallizzare gli orientamenti giurisprudenziali consolidatisi nel tempo, chiarendo profili alquanto dibattuti, con l’intento di bilanciare gli interessi del contraente in bonis con quelli della procedura, legittimata a selezionare, in considerazione di una mera valutazione di convenienza economica, quali rapporti negoziali mantenere. Con particolare riferimento ai contratti preliminari, il legislatore, pur non intaccando i principi generali sanciti all’interno della “cornice” contenuta nell’art. 72 R.D. 16 marzo 1942, n. 267, rubricato “Rapporti pendenti”, provvede alla predisposizione di una disciplina ad hoc, tenendo in considerazione la peculiare natura del contratto in questione e la stretta interconnessione esistente tra la normativa vigente in materia fallimentare e gli artt. 2645 bis - 2932 c.c.

Art. 173. Contratti preliminari

carmine lazzaro
2021

Abstract

Il nuovo Codice della crisi d’impresa e dell’insolvenza, oltre a modificare il codice civile, intervenendo sugli assetti organizzativi societari e particolarmente sulle s.r.l., innova l’impianto normativo fallimentare con la previsione di una “procedura di allerta e di composizione assistita della crisi”. La disciplina dei contratti pendenti non è rimasta immune al processo riformatore de quo, tant’è che il legislatore ha avvertito l’esigenza di cristallizzare gli orientamenti giurisprudenziali consolidatisi nel tempo, chiarendo profili alquanto dibattuti, con l’intento di bilanciare gli interessi del contraente in bonis con quelli della procedura, legittimata a selezionare, in considerazione di una mera valutazione di convenienza economica, quali rapporti negoziali mantenere. Con particolare riferimento ai contratti preliminari, il legislatore, pur non intaccando i principi generali sanciti all’interno della “cornice” contenuta nell’art. 72 R.D. 16 marzo 1942, n. 267, rubricato “Rapporti pendenti”, provvede alla predisposizione di una disciplina ad hoc, tenendo in considerazione la peculiare natura del contratto in questione e la stretta interconnessione esistente tra la normativa vigente in materia fallimentare e gli artt. 2645 bis - 2932 c.c.
9788868711801
contratti preliminari crisi impresa
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/20.500.12318/106236
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact