Complessità e sviluppo economico: modelli basati su reti neurali e automi cellullari