Scopo del contributo è quello di considerare le tematiche legate alle risorse naturali, alle condizioni locali - tra cui quelle mutanti climatiche - elementi chiave nella pianificazione e progettazione del territorio e della città. Ribaltando la logica che in gran parte dei casi, soprattutto in Italia, guida le scelte connesse alle opportunità energetiche ed agli effetti disastrosi ambientali e sociali di politiche divenute “sconsiderate”. Poiché non considerano quei Limiti dello sviluppo, cioè la continua logica espansiva legata al modello di città/società industriale affermatosi dalla prima rivoluzione industriale, già descritti nel Rapporto del 1972 (Meadows et al.) commissionato dal Club di Roma. L’incidenza delle attività umane sui cambiamenti climatici è ben evidenziata da Einaudi nella Lecture tenuta a Reggio Calabria il 26 marzo 2013: lo scienziato mostra come, pur in una fase di alternanza di fasi di riscaldamento e raffreddamento di migliaia di anni, dall’inizio del ‘700 vi è stato un incremento della temperatura media di ca. tre volte superiore di quello registrato nei cicli precedenti (Figg. 1,2). Vi è la grande opportunità di avviare un nuovo paradigma, nel senso kuhniano, dei processi di antropizzazione: vivere cioè avere relazioni sociali, lavorare, godere del tempo, richiamandosi ai principi della Carta di Atene del 1932 ma rivedendola in senso ecologico.

Dalle mutanti condizioni climatiche alle grandi opportunità di costruzione di senso del territorio

ARAGONA, Stefano
2013

Abstract

Scopo del contributo è quello di considerare le tematiche legate alle risorse naturali, alle condizioni locali - tra cui quelle mutanti climatiche - elementi chiave nella pianificazione e progettazione del territorio e della città. Ribaltando la logica che in gran parte dei casi, soprattutto in Italia, guida le scelte connesse alle opportunità energetiche ed agli effetti disastrosi ambientali e sociali di politiche divenute “sconsiderate”. Poiché non considerano quei Limiti dello sviluppo, cioè la continua logica espansiva legata al modello di città/società industriale affermatosi dalla prima rivoluzione industriale, già descritti nel Rapporto del 1972 (Meadows et al.) commissionato dal Club di Roma. L’incidenza delle attività umane sui cambiamenti climatici è ben evidenziata da Einaudi nella Lecture tenuta a Reggio Calabria il 26 marzo 2013: lo scienziato mostra come, pur in una fase di alternanza di fasi di riscaldamento e raffreddamento di migliaia di anni, dall’inizio del ‘700 vi è stato un incremento della temperatura media di ca. tre volte superiore di quello registrato nei cicli precedenti (Figg. 1,2). Vi è la grande opportunità di avviare un nuovo paradigma, nel senso kuhniano, dei processi di antropizzazione: vivere cioè avere relazioni sociali, lavorare, godere del tempo, richiamandosi ai principi della Carta di Atene del 1932 ma rivedendola in senso ecologico.
9788889405253
Pianificazione integrata; Cambimenti climatici; Approccio ecologico
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Aragona_2013_Città_Clima_editor.pdf

non disponibili

Tipologia: Versione Editoriale (PDF)
Licenza: Tutti i diritti riservati (All rights reserved)
Dimensione 842.56 kB
Formato Adobe PDF
842.56 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/20.500.12318/11186
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact