Le comunicazioni sono la linfa essenziale dei territori, ed al tempo stesso elemento di equilibri/disequilibri territoriale ed ecologico. Processi di territorializzazzione/deteritorializzazione/riterritorializzazione sono legati alle scelte sull’accessibilità. Quelle fatte dagli anni ’90 stanno favorendo i principali poli a scapito di quelli “minori”sollecitandone l’abbandono, così distruggendo paesaggi costruiti in millenni. Esse possono essere anche elemento di tutela del territorio, sia sotto il profilo ambientale che sociale, così come definito nella Convenzione del Paesaggio (2010). Si suggerisce una strategia ecologica che consideri le condizioni locali come suggerimento progettuale, per uno sviluppo “placed based” (Barca, 2010), secondo la visione dell’ecologia umana di cui parla l’Enciclica “Laudato Sii per la Cura della Casa Comune. Finalizzata ad un più equo sviluppo capace di costruire la “globalizzazione intelligente” richiesta da Rodrik (2011) per “Pensare Globalmente ed Agire Localmente”, così realizzando non solo “Smart city” ma soprattutto “Smart territories.Riferimenti bibliografici - Barca, F. (2010), UN’AGENDA PER LA RIFORMA DELLA POLITICA DI COESIONE. Una politica di sviluppo rivolta ai luoghi per rispondere alle sfide e alle aspettative dell’Unione Europea. Rapporto indipendente. Predisposto nell’aprile 2009 su richiesta di D. Hübner, Commissario europeo alla politica regionale, Sintesi e traduzione in italiano, autorizzata dall’autore, dell’Introduzione e dei capitoli I e V del Rapporto “An Agenda for a Reformed Cohesion Policy”, 2009- Lettera Enciclica Laudato Sii del Santo Padre Francesco sulla Cura della Casa Comune, (2015.05.24), Tipografia Vaticana, Città del Vaticano- Rodrik D., La globalizzazione intelligente, Laterza, Bari (ed. or. The Globalization Paradox. Democracy and the Future of the World Economy, Oxford University Press, Norton W.W. I Edizione), 2011.

Infrastrutture ed equità spaziale

ARAGONA, Stefano
2016

Abstract

Le comunicazioni sono la linfa essenziale dei territori, ed al tempo stesso elemento di equilibri/disequilibri territoriale ed ecologico. Processi di territorializzazzione/deteritorializzazione/riterritorializzazione sono legati alle scelte sull’accessibilità. Quelle fatte dagli anni ’90 stanno favorendo i principali poli a scapito di quelli “minori”sollecitandone l’abbandono, così distruggendo paesaggi costruiti in millenni. Esse possono essere anche elemento di tutela del territorio, sia sotto il profilo ambientale che sociale, così come definito nella Convenzione del Paesaggio (2010). Si suggerisce una strategia ecologica che consideri le condizioni locali come suggerimento progettuale, per uno sviluppo “placed based” (Barca, 2010), secondo la visione dell’ecologia umana di cui parla l’Enciclica “Laudato Sii per la Cura della Casa Comune. Finalizzata ad un più equo sviluppo capace di costruire la “globalizzazione intelligente” richiesta da Rodrik (2011) per “Pensare Globalmente ed Agire Localmente”, così realizzando non solo “Smart city” ma soprattutto “Smart territories.Riferimenti bibliografici - Barca, F. (2010), UN’AGENDA PER LA RIFORMA DELLA POLITICA DI COESIONE. Una politica di sviluppo rivolta ai luoghi per rispondere alle sfide e alle aspettative dell’Unione Europea. Rapporto indipendente. Predisposto nell’aprile 2009 su richiesta di D. Hübner, Commissario europeo alla politica regionale, Sintesi e traduzione in italiano, autorizzata dall’autore, dell’Introduzione e dei capitoli I e V del Rapporto “An Agenda for a Reformed Cohesion Policy”, 2009- Lettera Enciclica Laudato Sii del Santo Padre Francesco sulla Cura della Casa Comune, (2015.05.24), Tipografia Vaticana, Città del Vaticano- Rodrik D., La globalizzazione intelligente, Laterza, Bari (ed. or. The Globalization Paradox. Democracy and the Future of the World Economy, Oxford University Press, Norton W.W. I Edizione), 2011.
978-88-548-9234-7
Infrastrutture e territorio; Accessibilità ed equità spaziale; Pianificazione ecologica
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Aragona_2016_Coperina e Indice.pdf

non disponibili

Tipologia: Versione Editoriale (PDF)
Licenza: Tutti i diritti riservati (All rights reserved)
Dimensione 530.68 kB
Formato Adobe PDF
530.68 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia
Aragona_2016_Infrastrutture_editor.pdf

non disponibili

Tipologia: Versione Editoriale (PDF)
Licenza: Tutti i diritti riservati (All rights reserved)
Dimensione 3.01 MB
Formato Adobe PDF
3.01 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/20.500.12318/11206
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact