Most of the Italian architectonic patrimony is made up of little villages well integrated with the territory.This research is directed towards three Micro_Cities on the Sicilian Ionic coast showing: three examples of integrationbetween site, architecture and space fruition.On the Strait of Messina the landscape has delineated some “great rooms”,i.e. spatial surrounding, looking out over the sea.The Micro_Cities that we have chosen are part of this complex system.The area to which these “rooms” belong is closed at the back by Peloritani Mountains,on lateral sides by Cape Sant’Alessio and Cape Alì and the ground is inclined in the direction of the coast line.The research analyses, with the same method, Mandanici, Forza D’Agrò and Alì.This study mixes the usual investigations on the surveyswith the unconventional analysis related to the fruition of the space.The method, innervated by an essential structure, is an open path that directs you to the perceptionand comprehension of these sites.

La maggior parte del patrimonio architettonico italiano appartiene a piccoli borghiperfettamente integrati nel territorio.Questa ricerca è riferita a tre Micro_Città della costa ionica sicilianache sono un esempio di perfetta integrazione fra sito, architettura e fruizione dello spazio.Sullo Stretto di Messina il territorio forma alcune “grandi stanze” paesaggistiche affacciate sul mare.Le Micro_Città selezionate per questa ricerca sono parte di questo complesso sistema territoriale e paesaggistico.Esse appartengono ad una “stanza” le cui pareti immaginarie sono formate alle spalle dai Monti Peloritani,a sud dal Capo Sant’Alessio e a nord dal Capo Alìmentre il pavimento è rappresentato dal terreno che scende verso la linea di costa.La ricerca analizza, con le stesse modalità, Mandanici, Forza D’Agrò e Alì.Questo studio combina le tecniche tradizionali dell’analisi e del rilievo,con quelle inusuali relative alla fruizione e alla percezione dello spazio.Il metodo della ricerca è innervato da struttura aperta che prova ad offrire una piena comprensione di questi luoghi.

Tre piccole città

ARENA, Marinella
Writing – Original Draft Preparation
2015

Abstract

La maggior parte del patrimonio architettonico italiano appartiene a piccoli borghiperfettamente integrati nel territorio.Questa ricerca è riferita a tre Micro_Città della costa ionica sicilianache sono un esempio di perfetta integrazione fra sito, architettura e fruizione dello spazio.Sullo Stretto di Messina il territorio forma alcune “grandi stanze” paesaggistiche affacciate sul mare.Le Micro_Città selezionate per questa ricerca sono parte di questo complesso sistema territoriale e paesaggistico.Esse appartengono ad una “stanza” le cui pareti immaginarie sono formate alle spalle dai Monti Peloritani,a sud dal Capo Sant’Alessio e a nord dal Capo Alìmentre il pavimento è rappresentato dal terreno che scende verso la linea di costa.La ricerca analizza, con le stesse modalità, Mandanici, Forza D’Agrò e Alì.Questo studio combina le tecniche tradizionali dell’analisi e del rilievo,con quelle inusuali relative alla fruizione e alla percezione dello spazio.Il metodo della ricerca è innervato da struttura aperta che prova ad offrire una piena comprensione di questi luoghi.
978-88-6542-408-7
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/20.500.12318/11359
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact