Hammam in the Middle East are seriously at risk, or just compromised. However, most of the hammam has not been used for many years, due to the high costs of maintenance. The Syrian hammam Yalbougha al-Nasiri in Aleppo is one of the most interesting examples – inserted in the UNESCO World Heritage Sites list. By originating from the Roman steam bath, was built by Mamluk Emir in mid-fifteenth century, working until the early twentieth century, and then it was restored by Department of Antiquity in 1960. In 1983, all the sanitary installations were repaired too. Inside this building you can receive all kind of well-being sensation, as in the steam room where the marble paved surfaces allow bodies to directly relax. They are also immersed in enlightened steam under the dome perforated by glass shaped eyes ‘gatnayat’ which make star patterns. Like a magical kaleidoscope the play of light and shadow is ever changing. Therefore, here it is what you can find inside a hammam, which can hardly be said unless drawings and images.

L’Hammam Yalbugha Al-Nasiri di Aleppo, già nell’elenco dei siti patrimonio mondiale dell’UNESCO, è una importante testimonianza della cultura materiale delle nazioni mediorientali, messe seriamente a rischio ultimamente da numerosi eventi bellici. L’hammam fu costruito a metà del XV secolo e mantenne le sue funzioni di bagno pubblico fino all’inizio del XX secolo. Restaurato più volte, l’imponente edificio presenta i caratteri di monumentalità sia all’esterno che all’interno. Ampi spazi si susseguono secondo il modello termale tradizionale romano, ma le ampie volte forate da sequenze di piccole aperture, che componevano complesse trame a forma di stella e lasciavano filtrare la luce, determinavano singolari effetti nell’atmosfera perlopiù densa di vapore. Il disegno e la modellazione 3D documentano le caratteristiche formali e dimensionali dell’intero complesso nel tentativo di far comprendere l’unicità dell’architettura il cui fascino è stato anche documentato da fotografi e registi cinematografici in grado di trasmettere non solo le caratteristiche formali e strutturali, ma anche la loro dimensione magica.

Hammam Yalbugha Al-Nasiri Aleppo Siria

CURTI, Gabriella
2015

Abstract

L’Hammam Yalbugha Al-Nasiri di Aleppo, già nell’elenco dei siti patrimonio mondiale dell’UNESCO, è una importante testimonianza della cultura materiale delle nazioni mediorientali, messe seriamente a rischio ultimamente da numerosi eventi bellici. L’hammam fu costruito a metà del XV secolo e mantenne le sue funzioni di bagno pubblico fino all’inizio del XX secolo. Restaurato più volte, l’imponente edificio presenta i caratteri di monumentalità sia all’esterno che all’interno. Ampi spazi si susseguono secondo il modello termale tradizionale romano, ma le ampie volte forate da sequenze di piccole aperture, che componevano complesse trame a forma di stella e lasciavano filtrare la luce, determinavano singolari effetti nell’atmosfera perlopiù densa di vapore. Il disegno e la modellazione 3D documentano le caratteristiche formali e dimensionali dell’intero complesso nel tentativo di far comprendere l’unicità dell’architettura il cui fascino è stato anche documentato da fotografi e registi cinematografici in grado di trasmettere non solo le caratteristiche formali e strutturali, ma anche la loro dimensione magica.
88-654-24-08-7
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
CURTI_2015_SPAZI_HAMMAM_editor.pdf

embargo fino al 04/03/2022

Tipologia: Versione Editoriale (PDF)
Licenza: Creative commons
Dimensione 2.4 MB
Formato Adobe PDF
2.4 MB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/20.500.12318/11475
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact