“Arte del legale”. Sulla differenza tra cosa e non-cosa per il diritto