Con riferimento alla riflessione di Filippo Vassalli e di Giuseppe Capograssi, il saggio si dedica a pensare la distinzione tra cosa e non cosa con riferimento alla norma giuridica. E' di Capograssi l'idea di una scienza giuridica capace di orientarsi all'esperinza, è di Vassalli l'idea critica rispetto ad una idea di norma come forma giuridica. Mettendo insieme le due prospettive, si segnala la dimensione extratestuale ed extrastatuale del diritto.

“Arte del legale”. Sulla differenza tra cosa e non-cosa per il diritto

Cananzi
2014

Abstract

Con riferimento alla riflessione di Filippo Vassalli e di Giuseppe Capograssi, il saggio si dedica a pensare la distinzione tra cosa e non cosa con riferimento alla norma giuridica. E' di Capograssi l'idea di una scienza giuridica capace di orientarsi all'esperinza, è di Vassalli l'idea critica rispetto ad una idea di norma come forma giuridica. Mettendo insieme le due prospettive, si segnala la dimensione extratestuale ed extrastatuale del diritto.
978-88-5752-245-6
arte; legge; diritto; esperienza giuridica, scienza giuridica, filosofia del diritto
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/20.500.12318/11535
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact