Le tecniche del virtual heritage e del digital heritage costituiscono attualmente quelle necessità ‘visionarie’ disegnate dai voyagers, di due/tre secoli prima, e possono espandere le capacità percettive dell’osservatore, rendendo possibili interazioni tra paesaggi visibili, invisibili, ipotetici e immaginari grazie anche ad un processo integrato tra studi archeologici, rilievi, tecniche di modellazione e saggi di ricostruzione virtuale.

Paesaggi antichi e paesaggi archeologici dal Grand Tour al mondo virtuale

FATTA, Francesca
2018

Abstract

Le tecniche del virtual heritage e del digital heritage costituiscono attualmente quelle necessità ‘visionarie’ disegnate dai voyagers, di due/tre secoli prima, e possono espandere le capacità percettive dell’osservatore, rendendo possibili interazioni tra paesaggi visibili, invisibili, ipotetici e immaginari grazie anche ad un processo integrato tra studi archeologici, rilievi, tecniche di modellazione e saggi di ricostruzione virtuale.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/20.500.12318/11552
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact