Architetture come spazi pubblici. Un contagio virtuoso