Il contributo tenta di esplicitare come la città è consumatrice dell’effimero ma anche capace di generarlo, non solo accennando a quegli apparati che storicamente sono utilizzati per feste, allestimenti di fiere, grandi esposizioni. Il testo si sofferma sul contributo che l’Estate Romana, ideata da Renato Nicolini, dagli anni ’70 sino al 1985, fornisce a questo tema avendo il merito di inaugurare la stagione postmoderna italiana dell’effimero, dando voce alla forza della neoavanguardia romana.

Effimero urbano

Tornatora M.
2016

Abstract

Il contributo tenta di esplicitare come la città è consumatrice dell’effimero ma anche capace di generarlo, non solo accennando a quegli apparati che storicamente sono utilizzati per feste, allestimenti di fiere, grandi esposizioni. Il testo si sofferma sul contributo che l’Estate Romana, ideata da Renato Nicolini, dagli anni ’70 sino al 1985, fornisce a questo tema avendo il merito di inaugurare la stagione postmoderna italiana dell’effimero, dando voce alla forza della neoavanguardia romana.
9788849233438
estate romana, effimero, città
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/20.500.12318/11648
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact