«Scomporre e ricomporre»: il potere di nomina dei ministri fra “partiti incoercibili” e categorie in via di ridefinizione