Si trapassa la tranquilla scena della prospettiva rinascimentale, esigendo quella rapida misurabilità che essa non poteva dare. Nei vari capitoli si dipana una lunga e complessa matassa che dimostra come dall'osservatore immobile che guarda con un solo occhio si passa alla visione dei due occhi continuamente in movimento e in differenti posizioni un "vedere obliquo" dell'oggetto.

Massimo Scolari, IL DISEGNO OBLIQUO Una storia dell'antiprospettiva. L'assonometria come "forma simbolica"

GINEX, Gaetano
2011-01-01

Abstract

Si trapassa la tranquilla scena della prospettiva rinascimentale, esigendo quella rapida misurabilità che essa non poteva dare. Nei vari capitoli si dipana una lunga e complessa matassa che dimostra come dall'osservatore immobile che guarda con un solo occhio si passa alla visione dei due occhi continuamente in movimento e in differenti posizioni un "vedere obliquo" dell'oggetto.
978-88-6494-062-5
Assonometria; Disegno; Antiprospettiva
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Ginex_2011_Sintesi_MassimoScolari_editor.pdf

non disponibili

Tipologia: Versione Editoriale (PDF)
Licenza: Tutti i diritti riservati (All rights reserved)
Dimensione 1.26 MB
Formato Adobe PDF
1.26 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/20.500.12318/13219
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact