I disegni di esperienze progettuali concrete o d’invenzione e di rappresentazione, non trovano una differenza sostanziale, se non nel loro valore d’uso: nell’idea di progetto esse convivono strettamente legate e inscindibili. L’idea di progetto come una forma di conoscenza è connaturata nell’attività di architetto intesa sia come ricerca che come mestiere. In questo senso penso all’architettura come forma del pensiero che si alterna e si integra tra una sua struttura mentale e la sua vocazione analogica per il costruito e gli aspetti fisici. Il disegno, e soprattutto quello autografo, nella sua forma più autentica di linguaggio che non trascrive ma scrive il pensiero d’architettura sta alla base dell’espressione progettuale. Se a tale concezione e quindi forza del disegno si aggiunge il tema del paesaggio dello Stretto di Messina, si crea quel connubio virtuoso capace di dare vita a rappresentazioni e visioni profonde che scavano nella realtà meno visibile e superficiale del luogo, in quella linea di confine tra razionale e irrazionale, reale e irreale, visibile e invisibile, propria anche del progetto. La realtà dell’invisibile e del mitologico costituisce ancora l’elemento unificante ed identificativo delle due sponde dello Stretto: la sua base portante e strutturale, lo scheletro su cui poggiano e si sovrappongono diversi racconti: reale, letterario, iconografico e storico.

La seduzione dell'indicibile

AMARO, Ottavio Salvatore
2019

Abstract

I disegni di esperienze progettuali concrete o d’invenzione e di rappresentazione, non trovano una differenza sostanziale, se non nel loro valore d’uso: nell’idea di progetto esse convivono strettamente legate e inscindibili. L’idea di progetto come una forma di conoscenza è connaturata nell’attività di architetto intesa sia come ricerca che come mestiere. In questo senso penso all’architettura come forma del pensiero che si alterna e si integra tra una sua struttura mentale e la sua vocazione analogica per il costruito e gli aspetti fisici. Il disegno, e soprattutto quello autografo, nella sua forma più autentica di linguaggio che non trascrive ma scrive il pensiero d’architettura sta alla base dell’espressione progettuale. Se a tale concezione e quindi forza del disegno si aggiunge il tema del paesaggio dello Stretto di Messina, si crea quel connubio virtuoso capace di dare vita a rappresentazioni e visioni profonde che scavano nella realtà meno visibile e superficiale del luogo, in quella linea di confine tra razionale e irrazionale, reale e irreale, visibile e invisibile, propria anche del progetto. La realtà dell’invisibile e del mitologico costituisce ancora l’elemento unificante ed identificativo delle due sponde dello Stretto: la sua base portante e strutturale, lo scheletro su cui poggiano e si sovrappongono diversi racconti: reale, letterario, iconografico e storico.
978-88-8238-127-1
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Amaro_2019_Reggio_Seduzione_editor.pdf

non disponibili

Tipologia: Versione Editoriale (PDF)
Licenza: Tutti i diritti riservati (All rights reserved)
Dimensione 6.66 MB
Formato Adobe PDF
6.66 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/20.500.12318/13561
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact