Occorre intendere la cosiddetta crisi, kρίσις, quale occasione di superamento del paradigma formatosi dalla I rivoluzione industriale del ‘700 ed i cui limiti stanno sempre più emergendo da decenni, evidenziati nel testo edito nel 1972 The limits of Growth. Quindi dare avvio all’implementazione/costruzione di un approccio ecologico nei processi di antropizzazione, avendo come presupposto il principio di “0” consumo di nuovo suolo urbanizzato e le tematiche connesse alla “chiusura dei cicli”. L’argomento si pone in sintonia con il vasto dibattito che sta riguardando il ripensamento complessivo del senso di spazio. A partire dalle esigenze del cum-cives, cioè dell’abitante che con gli altri, la societas, condivide l’idea di civitas, che richiede/pretende spazi vivibili ed accessibili, spazi pubblici e qualità urbana. Ricordando le indicazioni della Carta di Lipsia (2007) che vuole strategie integrate di pianificazione tra aree rurali ed urbane, piccole, medie e grandi, metropolitane. Avendo la Convenzione sul Paesaggio come riferimento materiale e sociale e l’obiettivo di Smart City – ovvero costruire Comunità inclusive e sostenibili fisicamente e socialmente – nella prospettiva di Horizon 2020. Lo scritto si confronta con tali tematiche ponendo in evidenza i molteplici aspetti, qualitativi oltre che quantitativi. Sottolineando che la politica, cioè le scelte, devono essere efficaci oltre che efficienti, per creare benessere che sia equo e solidale.

Rigenerazione ecologica, quindi transcalare ed integrata

ARAGONA, Stefano
2017

Abstract

Occorre intendere la cosiddetta crisi, kρίσις, quale occasione di superamento del paradigma formatosi dalla I rivoluzione industriale del ‘700 ed i cui limiti stanno sempre più emergendo da decenni, evidenziati nel testo edito nel 1972 The limits of Growth. Quindi dare avvio all’implementazione/costruzione di un approccio ecologico nei processi di antropizzazione, avendo come presupposto il principio di “0” consumo di nuovo suolo urbanizzato e le tematiche connesse alla “chiusura dei cicli”. L’argomento si pone in sintonia con il vasto dibattito che sta riguardando il ripensamento complessivo del senso di spazio. A partire dalle esigenze del cum-cives, cioè dell’abitante che con gli altri, la societas, condivide l’idea di civitas, che richiede/pretende spazi vivibili ed accessibili, spazi pubblici e qualità urbana. Ricordando le indicazioni della Carta di Lipsia (2007) che vuole strategie integrate di pianificazione tra aree rurali ed urbane, piccole, medie e grandi, metropolitane. Avendo la Convenzione sul Paesaggio come riferimento materiale e sociale e l’obiettivo di Smart City – ovvero costruire Comunità inclusive e sostenibili fisicamente e socialmente – nella prospettiva di Horizon 2020. Lo scritto si confronta con tali tematiche ponendo in evidenza i molteplici aspetti, qualitativi oltre che quantitativi. Sottolineando che la politica, cioè le scelte, devono essere efficaci oltre che efficienti, per creare benessere che sia equo e solidale.
9788899237080
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Indice_Atti_XIX_Conferenza_Nazionale_SIU_Catania_Planum_Publisher_2017-1 (1).pdf

accesso aperto

Descrizione: Indice sintetico XIX Conferenza SIU Catania
Tipologia: Versione Editoriale (PDF)
Licenza: Tutti i diritti riservati (All rights reserved)
Dimensione 203.69 kB
Formato Adobe PDF
203.69 kB Adobe PDF Visualizza/Apri
Atelier_7B_Aragona_Atti_XIX_Conferenza_Nazionale_SIU_Planum_Publisher_2017.pdf

accesso aperto

Descrizione: Paper presentato al Workshop 7.B Rigenerazione urbana multiscalare
Tipologia: Versione Editoriale (PDF)
Licenza: Tutti i diritti riservati (All rights reserved)
Dimensione 1.69 MB
Formato Adobe PDF
1.69 MB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/20.500.12318/13951
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact