Il “principio lavorista” nel terzo millennio: il futuro ha un cuore antico?