La “transizione” costituzionale: ambiguità e polivalenza di un’importante nozione di teoria generale