La relazione mette in luce l'ambivalenza intrinseca alla positivizzione dei diritti sociali nella Carta di NIzza. Al superamento della divisione dei diritti secondo la generazione di appartenenza, elemento di oggettiva novità rispetto al passato, fa da contraltare il frequente rinvio alle legislazioni e prassi nazionali, nonchè al diritto dell'Ue. Lo scritto evidenzia come la sorte dei diritti sociali, in mancanza di scelte nette da parte dei Trattati, a livello Ue resti perciò rimessa alla giurisprudenza della Corte di Giustizia e al "dialogo" che essa intratterrà con i giudici nazionali (in primis, quelli costituzionali).

I diritti sociali nella Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea: un “viaggio al termine della notte?”,

SALAZAR, Carmela Maria Giustina
2001

Abstract

La relazione mette in luce l'ambivalenza intrinseca alla positivizzione dei diritti sociali nella Carta di NIzza. Al superamento della divisione dei diritti secondo la generazione di appartenenza, elemento di oggettiva novità rispetto al passato, fa da contraltare il frequente rinvio alle legislazioni e prassi nazionali, nonchè al diritto dell'Ue. Lo scritto evidenzia come la sorte dei diritti sociali, in mancanza di scelte nette da parte dei Trattati, a livello Ue resti perciò rimessa alla giurisprudenza della Corte di Giustizia e al "dialogo" che essa intratterrà con i giudici nazionali (in primis, quelli costituzionali).
8814091714
Diritti sociali; Unione euroepa; Carta di Nizza
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/20.500.12318/15176
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact