Abstract: A multidisciplinary intervention into a historical architecture in Calabria. The introduced study belongs to those scientific and design opportunities at the same time, which a designer or a team opportunely prepared as in this case, can be called to give an answer in that unifying action of solution at the same time distinctly technique, of static-structural nature and of proposal directed to its architectural functional renewal as rarely happens. With all the proper differences it’s an operation that bossily bring up to the memory "masters" operations in which analogous motivations have made other two design occasions, patrimony of the history of building: the Malatestiano Temple (S. Francesco in Rimini) of Leon Battista Alberti and the Ragione Palace in Vicenza of Andrea Palladio. In these two buildings new forms have sprung from a purely technical application: the structural reinforcement of two buildings in evident state of static suffering. In both cases, as Alberti as Palladium have operated through the realization of a new volumetric "constructive apparatus" that worked both from structural solution and total functional redefinition of the architectural manufactured article. It deals with describing an intervention, the most meaningful of two, realized in the territory of Lamezia Terme in Calabria in strength of an application matured between the Municipality and the "Mediterranean" University, to place side by side to the possessed preliminary plannings really for the preventive verification of static stability of the building and its transformation in Library, Museum and permanent Exposures and didactic Laboratories. We speak about the ex seventeenth-century Convent of St. Domenico located in the homonymous square into the historical center. Session B, point 1, 2, 3.

Lo studio presentato appartiene a quelle opportunità scientifiche e progettuali allo stesso tempo, cui un progettista, o un team opportunamente approntato come in questo caso, può essere chiamato a dare risposta in quell’atto unificante di soluzione allo stesso tempo spiccatamente tecnica, quella di natura statico-strutturale, e di proposta orientata al suo rinnovamento architettonico-funzionale come raramente accade. Con tutte le debite differenze è un’operazione che fa riaffiorare prepotentemente alla memoria operazioni “maestre” in cui analoghe motivazioni hanno reso patrimonio della storia del costruire due ben altre occasioni progettuali: il tempio Malatestiano (S. Francesco a Rimini) di Leon Battista Alberti e il palazzo della Ragione a Vicenza di Andrea Palladio. In questi due edifici nuove forme sono scaturite da una richiesta puramente tecnica: il rinforzo strutturale di due edifici in evidente stato di sofferenza statica. In entrambi i casi, tanto Alberti quanto Palladio hanno operato mediante la realizzazione di un nuovo “apparecchio costruttivo” volumetrico che funzionasse tanto da soluzione strutturale quanto da ridefinizione funzionale totale del manufatto. Si tratta di descrivere un intervento, il più significativo di due, realizzato nel territorio del comune di Lamezia Terme in Calabria in forza di una richiesta maturata tra il Comune e l’Università “Mediterranea”, da affiancare alle progettazioni preliminari possedute proprio per la preventiva verifica di stabilità statica dell’edificio e la sua trasformazione in Biblioteca, Museo ed Esposizioni permanenti e Laboratori didattici. Parliamo dell’ex convento seicentesco di San Domenico posto nell’omonima piazza interna al centro storico. sessione B, punti 1, 2, 3.

PROGETTAZIONE INTEGRATA PER IL RECUPERO ARCHITETTONICO E FUNZIONALE Un intervento multidisciplinare in un’architettura storica in Calabria

DI CHIO, Angelo
2018

Abstract

Lo studio presentato appartiene a quelle opportunità scientifiche e progettuali allo stesso tempo, cui un progettista, o un team opportunamente approntato come in questo caso, può essere chiamato a dare risposta in quell’atto unificante di soluzione allo stesso tempo spiccatamente tecnica, quella di natura statico-strutturale, e di proposta orientata al suo rinnovamento architettonico-funzionale come raramente accade. Con tutte le debite differenze è un’operazione che fa riaffiorare prepotentemente alla memoria operazioni “maestre” in cui analoghe motivazioni hanno reso patrimonio della storia del costruire due ben altre occasioni progettuali: il tempio Malatestiano (S. Francesco a Rimini) di Leon Battista Alberti e il palazzo della Ragione a Vicenza di Andrea Palladio. In questi due edifici nuove forme sono scaturite da una richiesta puramente tecnica: il rinforzo strutturale di due edifici in evidente stato di sofferenza statica. In entrambi i casi, tanto Alberti quanto Palladio hanno operato mediante la realizzazione di un nuovo “apparecchio costruttivo” volumetrico che funzionasse tanto da soluzione strutturale quanto da ridefinizione funzionale totale del manufatto. Si tratta di descrivere un intervento, il più significativo di due, realizzato nel territorio del comune di Lamezia Terme in Calabria in forza di una richiesta maturata tra il Comune e l’Università “Mediterranea”, da affiancare alle progettazioni preliminari possedute proprio per la preventiva verifica di stabilità statica dell’edificio e la sua trasformazione in Biblioteca, Museo ed Esposizioni permanenti e Laboratori didattici. Parliamo dell’ex convento seicentesco di San Domenico posto nell’omonima piazza interna al centro storico. sessione B, punti 1, 2, 3.
978-88-492-3659-0
Abstract: A multidisciplinary intervention into a historical architecture in Calabria. The introduced study belongs to those scientific and design opportunities at the same time, which a designer or a team opportunely prepared as in this case, can be called to give an answer in that unifying action of solution at the same time distinctly technique, of static-structural nature and of proposal directed to its architectural functional renewal as rarely happens. With all the proper differences it’s an operation that bossily bring up to the memory "masters" operations in which analogous motivations have made other two design occasions, patrimony of the history of building: the Malatestiano Temple (S. Francesco in Rimini) of Leon Battista Alberti and the Ragione Palace in Vicenza of Andrea Palladio. In these two buildings new forms have sprung from a purely technical application: the structural reinforcement of two buildings in evident state of static suffering. In both cases, as Alberti as Palladium have operated through the realization of a new volumetric "constructive apparatus" that worked both from structural solution and total functional redefinition of the architectural manufactured article. It deals with describing an intervention, the most meaningful of two, realized in the territory of Lamezia Terme in Calabria in strength of an application matured between the Municipality and the "Mediterranean" University, to place side by side to the possessed preliminary plannings really for the preventive verification of static stability of the building and its transformation in Library, Museum and permanent Exposures and didactic Laboratories. We speak about the ex seventeenth-century Convent of St. Domenico located in the homonymous square into the historical center. Session B, point 1, 2, 3.
Keywords: Recupero Funzionale; Edifici Storici; Miglioramento Strutturale
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/20.500.12318/16351
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact