La “Geometria della natura” come invariante territoriale nell’assetto della Calabria bizantina