Una rete antropica tra l’estremo e l’infinito. Architetture d’alta quota e topologia degli spazi naturali