At what time of mercantile history to the idea of a product packaged to meet human needs has replaced the encompassing concept of a man educated to comply with a particular status symbol? It is in the idea of globalization that you can frame this radical change, fruit of a process more than of a particular event. The reflections presented in this article, which are the summary of a larger work which involved more scholars and two PRIN, try to highlight a truth intuitively understood by most people: globalization has forever changed the practice of the trade. The demonstration of the thesis goes through the comparison between the two systems of trade, apart in time and antithetical in the culture, and, for this, particularly illustrative. The two different realities will be compared with respect to three levels of analysis. Starting from the shops for retail sale, then through the issue of commercial buildings and their relationships with urban settings, you finally come to the networks of regional trade relations. On the side of the tradition we place the shopping streets of the North African territories, on that of globalization we put the architectures of the Italian shopping centers. Both represent two clearly definable contexts respect to the exposed thesis. This clear evidence has determined both the choice and the juxtaposition

In quale momento della storia mercantile alla centralità dell’idea di un prodotto confezionato per soddisfare i bisogni umani si è sostituito il concetto totalizzante di un uomo educato all’adesione ad un particolare status symbol Frutto più di un processo che di un particolare evento, è nell’idea di globalizzazione che si può inquadrare questo radicale mutamento. Sintesi di un più ampio lavoro che ha coinvolto più studiosi e ben due PRIN, le riflessioni esposte in questo articolo provano a evidenziare una verità intuitivamente compresa dalla maggior parte delle persone: la globalizzazione ha cambiato per sempre la pratica del commercio. La dimostrazione della tesi passa attraverso il confronto tra due sistemi di commercio, distanti nel tempo e antitetici nella cultura, e, per questo, particolarmente esemplificativi. Le due differenti realtà saranno comparate rispetto a tre livelli di analisi. Partendo dagli esercizi commerciali per la vendita al minuto, attraversando poi il tema delle architetture commerciali e delle loro relazioni con i contesti urbani, si giungerà infine alle reti di relazioni commerciali regionali. Dal lato della tradizione poniamo le strade commerciali dei territori maghrebini, da quello della globalizzazione mettiamo le architetture dei centri commerciali italiani. Entrambi rappresentano due contesti chiaramente definibili rispetto alle tesi esposte. Tale evidente chiarezza ne ha determinto sia la scelta che la giustapposizione.

The invisible roads of contemporary businesses

URSO, Agostino
Writing – Original Draft Preparation
2015-01-01

Abstract

In quale momento della storia mercantile alla centralità dell’idea di un prodotto confezionato per soddisfare i bisogni umani si è sostituito il concetto totalizzante di un uomo educato all’adesione ad un particolare status symbol Frutto più di un processo che di un particolare evento, è nell’idea di globalizzazione che si può inquadrare questo radicale mutamento. Sintesi di un più ampio lavoro che ha coinvolto più studiosi e ben due PRIN, le riflessioni esposte in questo articolo provano a evidenziare una verità intuitivamente compresa dalla maggior parte delle persone: la globalizzazione ha cambiato per sempre la pratica del commercio. La dimostrazione della tesi passa attraverso il confronto tra due sistemi di commercio, distanti nel tempo e antitetici nella cultura, e, per questo, particolarmente esemplificativi. Le due differenti realtà saranno comparate rispetto a tre livelli di analisi. Partendo dagli esercizi commerciali per la vendita al minuto, attraversando poi il tema delle architetture commerciali e delle loro relazioni con i contesti urbani, si giungerà infine alle reti di relazioni commerciali regionali. Dal lato della tradizione poniamo le strade commerciali dei territori maghrebini, da quello della globalizzazione mettiamo le architetture dei centri commerciali italiani. Entrambi rappresentano due contesti chiaramente definibili rispetto alle tesi esposte. Tale evidente chiarezza ne ha determinto sia la scelta che la giustapposizione.
978-88-6542-416-2
At what time of mercantile history to the idea of a product packaged to meet human needs has replaced the encompassing concept of a man educated to comply with a particular status symbol? It is in the idea of globalization that you can frame this radical change, fruit of a process more than of a particular event. The reflections presented in this article, which are the summary of a larger work which involved more scholars and two PRIN, try to highlight a truth intuitively understood by most people: globalization has forever changed the practice of the trade. The demonstration of the thesis goes through the comparison between the two systems of trade, apart in time and antithetical in the culture, and, for this, particularly illustrative. The two different realities will be compared with respect to three levels of analysis. Starting from the shops for retail sale, then through the issue of commercial buildings and their relationships with urban settings, you finally come to the networks of regional trade relations. On the side of the tradition we place the shopping streets of the North African territories, on that of globalization we put the architectures of the Italian shopping centers. Both represent two clearly definable contexts respect to the exposed thesis. This clear evidence has determined both the choice and the juxtaposition
Market; Trader; Shopping center ; Mercato; Mercante; Centro commerciale
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
URSO_2015_HERITAGE_INVISIBLE_editor.pdf

accesso aperto

Descrizione: Articolo principale
Tipologia: Versione Editoriale (PDF)
Licenza: Tutti i diritti riservati (All rights reserved)
Dimensione 3.79 MB
Formato Adobe PDF
3.79 MB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/20.500.12318/17708
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact