L’attuazione di nuove politiche e l’adeguamento di quelle esistenti ai fini della necessaria separazione tra impatto ambientale dell’uso delle risorse e impatto della crescita economica sarà un processo a lungo termine. Le istituzioni avranno bisogno di tempo per sviluppare e adottare modelli di produzione e consumo aventi un minore impatto ambientale. Saranno anche necessarie politiche pubbliche con obiettivi ben definiti e a lungo termine per pianificare l’investimento e innovare. Le relazioni tra uso delle risorse e impatto ambientale sono però ancora insufficientemente conosciute e cambiano col tempo, ad esempio, a seguito di sviluppi tecnici o sociali. Nel marzo 2000 il Consiglio Europeo si è proposto l’obiettivo di fare dell’Unione Europea l’economia fondata sulla conoscenza più competitiva e dinamica del mondo, in grado di realizzare una crescita economica sostenibile con nuovi e migliori posti di lavoro e una maggiore coesione sociale. Per rispettare l’Agenda di Lisbona è ritenuto necessario un tasso di crescita del prodotto interno lordo del 3%. TERRITORIALE E STRATEGICO è un lavoro di ricerca che sviluppa queste tematiche in una logica progettuale e operativa quale quella dei progetti integrati. La scelta è stata dettata dai sempre più incisivi orientamenti comunitari finalizzati allo sviluppo locale sostenibile attraverso forme di integrazione metodologico-progettuale e finanziaria. I casi studio riguardano alcune delle aree più significative e rilevanti della configurazione territoriale regionale in termini di valenze storico-artistiche e paesaggistico-ambientali.

Progettazione integrata e pianificazione dello sviluppo sostenibile. Territoriale e strategico

FORESTA, Sante
2004

Abstract

L’attuazione di nuove politiche e l’adeguamento di quelle esistenti ai fini della necessaria separazione tra impatto ambientale dell’uso delle risorse e impatto della crescita economica sarà un processo a lungo termine. Le istituzioni avranno bisogno di tempo per sviluppare e adottare modelli di produzione e consumo aventi un minore impatto ambientale. Saranno anche necessarie politiche pubbliche con obiettivi ben definiti e a lungo termine per pianificare l’investimento e innovare. Le relazioni tra uso delle risorse e impatto ambientale sono però ancora insufficientemente conosciute e cambiano col tempo, ad esempio, a seguito di sviluppi tecnici o sociali. Nel marzo 2000 il Consiglio Europeo si è proposto l’obiettivo di fare dell’Unione Europea l’economia fondata sulla conoscenza più competitiva e dinamica del mondo, in grado di realizzare una crescita economica sostenibile con nuovi e migliori posti di lavoro e una maggiore coesione sociale. Per rispettare l’Agenda di Lisbona è ritenuto necessario un tasso di crescita del prodotto interno lordo del 3%. TERRITORIALE E STRATEGICO è un lavoro di ricerca che sviluppa queste tematiche in una logica progettuale e operativa quale quella dei progetti integrati. La scelta è stata dettata dai sempre più incisivi orientamenti comunitari finalizzati allo sviluppo locale sostenibile attraverso forme di integrazione metodologico-progettuale e finanziaria. I casi studio riguardano alcune delle aree più significative e rilevanti della configurazione territoriale regionale in termini di valenze storico-artistiche e paesaggistico-ambientali.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/20.500.12318/20856
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact