La composizione generale dell'impianto architettonico consiste nel far reagire, nel lotto proposto, una struttura modulare isotropa con alcuni organismi "autonomi", "preesistenze" alle quali affidare un ruolo primario nella composizione degli spazi, sia esterni, sia interni della casa. La contrapposizione di moduli spazialsi si rilegge nel rapporto tra "facciata" e "corte". La modularità strutturale dell'organismo si presenta in modo seriale e compatto nelle facciate esterne,si frammentanella collisione con le "centralità" individuate in modo tale da generare un piccolo spazio urbano -lo spazio del confronto- posto in equilibrio tra la città vera (la strada, le altre abitazioni) e la natura (un muro di cinta con una piccola porta separa tale spazio dalla campagna).

"La casa più bella del mondo"

MANNINO, Marco
1992

Abstract

La composizione generale dell'impianto architettonico consiste nel far reagire, nel lotto proposto, una struttura modulare isotropa con alcuni organismi "autonomi", "preesistenze" alle quali affidare un ruolo primario nella composizione degli spazi, sia esterni, sia interni della casa. La contrapposizione di moduli spazialsi si rilegge nel rapporto tra "facciata" e "corte". La modularità strutturale dell'organismo si presenta in modo seriale e compatto nelle facciate esterne,si frammentanella collisione con le "centralità" individuate in modo tale da generare un piccolo spazio urbano -lo spazio del confronto- posto in equilibrio tra la città vera (la strada, le altre abitazioni) e la natura (un muro di cinta con una piccola porta separa tale spazio dalla campagna).
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/20.500.12318/22311
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact