Se nel 1950 solo il 50,5 per cento della popolazione europea risiedeva in aree urbane, nel 2014 si è raggiunto il 72 per cento e la previsione per il 2030 è del 78 per cento. A livello mondiale, nel 2030 la popolazione delle aree urbane dovrebbe raddoppiare rispetto al 1950, dal 29 per cento al59,9 per cento, fino ad arrivare all’80 per cento nel 2050. La crescita demograficanelle città pone già ora la politica locale, regionale, ma anche nazionale e sovrannazionale, di fronte a nuove responsabilità per poter soddisfare le esigenze economiche, sociali e culturali derivanti dal fenomeno. Nel lugliodel 2014, la Commissione europea ha avviato una consultazione pubblicasulla necessità di un’Agenda urbana comunitaria, sui suoi obiettivi e le sue possibili modalità di funzionamento. L’Agenda urbana UE dovrebbe aiutare le città a mettere in atto le direttive europee e a spingere l’Unione verso ilraggiungimento dei suoi obiettivi politici. La Commissione ha proposto chel’Agenda si concentri su alcuni settori prioritari — città intelligenti, verdi einclusive — garantisca l’effettivo utilizzo di strumenti normativi, rafforzi il coordinamento delle politiche dell’Unione che interessano le città e migliori la comprensione, l’analisi comparativa e il monitoraggio delle stesse.

La città porto tra Medma e Metauros. L’Agenda Urbana di Gioia Tauro, Rosarno, San Ferdinando

FORESTA, Sante
2019

Abstract

Se nel 1950 solo il 50,5 per cento della popolazione europea risiedeva in aree urbane, nel 2014 si è raggiunto il 72 per cento e la previsione per il 2030 è del 78 per cento. A livello mondiale, nel 2030 la popolazione delle aree urbane dovrebbe raddoppiare rispetto al 1950, dal 29 per cento al59,9 per cento, fino ad arrivare all’80 per cento nel 2050. La crescita demograficanelle città pone già ora la politica locale, regionale, ma anche nazionale e sovrannazionale, di fronte a nuove responsabilità per poter soddisfare le esigenze economiche, sociali e culturali derivanti dal fenomeno. Nel lugliodel 2014, la Commissione europea ha avviato una consultazione pubblicasulla necessità di un’Agenda urbana comunitaria, sui suoi obiettivi e le sue possibili modalità di funzionamento. L’Agenda urbana UE dovrebbe aiutare le città a mettere in atto le direttive europee e a spingere l’Unione verso ilraggiungimento dei suoi obiettivi politici. La Commissione ha proposto chel’Agenda si concentri su alcuni settori prioritari — città intelligenti, verdi einclusive — garantisca l’effettivo utilizzo di strumenti normativi, rafforzi il coordinamento delle politiche dell’Unione che interessano le città e migliori la comprensione, l’analisi comparativa e il monitoraggio delle stesse.
978-88-255-1952-5
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Foresta_2019_indice_editor.pdf

non disponibili

Tipologia: Versione Editoriale (PDF)
Licenza: Tutti i diritti riservati (All rights reserved)
Dimensione 1.14 MB
Formato Adobe PDF
1.14 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia
Foresta_2019_copertina_Medma_editor.pdf

non disponibili

Tipologia: Versione Editoriale (PDF)
Licenza: Tutti i diritti riservati (All rights reserved)
Dimensione 6.41 MB
Formato Adobe PDF
6.41 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/20.500.12318/22891
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact