Oggi non serve predicare una appartenenza alla natura che risolva attraverso l'ecologia i problemi dell'architettura, né serve praticare un nuovo luddismo: l'architettura deve avere consapevolezza delle sue risorse e dei suoi compiti, sapendo che designare e disegnare l'abitare dell'uomo sulla terra la obbliga a fare i conti con la natura, ad appartenere ad essa e insieme ad affrancarsene attraverso la tekné; una tekné che non è più salvifica ma problematica, perché senza la tekné l'uomo non avrebbe dimora, ma attraverso la tekné l'uomo mette a rischio l'ambiente.Testo completo in allegato 1

ARCHITETTURA e NATURA

ARCIDIACONO, Giuseppe Carlo
2008

Abstract

Oggi non serve predicare una appartenenza alla natura che risolva attraverso l'ecologia i problemi dell'architettura, né serve praticare un nuovo luddismo: l'architettura deve avere consapevolezza delle sue risorse e dei suoi compiti, sapendo che designare e disegnare l'abitare dell'uomo sulla terra la obbliga a fare i conti con la natura, ad appartenere ad essa e insieme ad affrancarsene attraverso la tekné; una tekné che non è più salvifica ma problematica, perché senza la tekné l'uomo non avrebbe dimora, ma attraverso la tekné l'uomo mette a rischio l'ambiente.Testo completo in allegato 1
978-88-7499-138-9
Natura; Vitruvio
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/20.500.12318/8742
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact