"La città dell'imperfezione". Follia e gioco tra diritto e letteratura