La “città dell’imperfezione” e gli studi di Diritto e Letteratura