“Anche la pazzia merita i suoi applausi”. Uno spunto preliminare con Alda Merini