Su alcune ‘presunzioni di appartenenza’ del reato all’ente collettivo