La ricostruzione incompiuta, la (ri)scoperta di una razionalità sopita?