La Carta Austriaca: iconicità e convenzionalità