L’articolo mette in confronto due modelli di pensiero tra loro divergenti, quasi opposti. Se da un lato si sottolinea un’architettura storicamente sensibile ai temi della memoria, dall’altro si individuano nuove spinte ideologiche centrate sull’idea di immagine. Se per un verso le forme spaziali producono strutture architettoniche riconducibili al concetti classico di luogo, all’opposto si pone una cultura legata a forme antispaziali che sottendono spazi collettivi definibili come non luoghi.

La qualità degli spazi pubblici nei centri minori calabresi

URSO, Agostino
2008

Abstract

L’articolo mette in confronto due modelli di pensiero tra loro divergenti, quasi opposti. Se da un lato si sottolinea un’architettura storicamente sensibile ai temi della memoria, dall’altro si individuano nuove spinte ideologiche centrate sull’idea di immagine. Se per un verso le forme spaziali producono strutture architettoniche riconducibili al concetti classico di luogo, all’opposto si pone una cultura legata a forme antispaziali che sottendono spazi collettivi definibili come non luoghi.
978-88-89955-69-7
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Urso_2008_Forum_Spazi pubblici_editor.pdf

non disponibili

Tipologia: Versione Editoriale (PDF)
Licenza: DRM non definito
Dimensione 1.29 MB
Formato Adobe PDF
1.29 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/20.500.12318/9227
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact