Alcune considerazioni sul lavoro svolto al workshop di Pentedattilo