Il lavoro esamina l’art. 62 del decreto legislativo 12 aprile 2006 n. 163 che ha conferito alle stazioni appaltanti, in alcune procedure, la facoltà di contenere il numero degli inviti alle imprese partecipanti alla gara e ritenute idonee, nelle ipotesi in cui tale limitazione appaia giustificata dalla difficoltà o complessità dell’opera, della fornitura o del servizio da aggiudicare. L’istituto può essere applicato nelle procedure ristrette, nelle procedure negoziate con pubblicazione del bando di gara e nel dialogo competitivo.

La Forcella

CARACCIOLO LA GROTTERIA, Vincenza
2017

Abstract

Il lavoro esamina l’art. 62 del decreto legislativo 12 aprile 2006 n. 163 che ha conferito alle stazioni appaltanti, in alcune procedure, la facoltà di contenere il numero degli inviti alle imprese partecipanti alla gara e ritenute idonee, nelle ipotesi in cui tale limitazione appaia giustificata dalla difficoltà o complessità dell’opera, della fornitura o del servizio da aggiudicare. L’istituto può essere applicato nelle procedure ristrette, nelle procedure negoziate con pubblicazione del bando di gara e nel dialogo competitivo.
2499-6467
lettera invito-procedure ristrette-valutazione
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
CaraccioloLaGrotteria_2017_L'Amminisrtrativista_editor.pdf

non disponibili

Tipologia: Versione Editoriale (PDF)
Licenza: Tutti i diritti riservati (All rights reserved)
Dimensione 612.72 kB
Formato Adobe PDF
612.72 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/20.500.12318/11536
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact