Brevi riflessioni intorno al saggio di Pierpaolo Forte sui “beni culturali digitalizzati”