La nota commenta la sentenza Badeck della Corte di Giustizia, mettendo in luce come la giurisprudenza di Lussemburgo abbia elaborato un orientamento nel quale l'ammissibilità delle azioni positive in favore delle donne è subordinata alla loro "flessibilità" e "ragionevolezza".

La ragionevole irragionevolezza da ossimoro a endiadi? Un’importante precisazione della Corte di giustizia sulle azioni positive in favore delle donne.

SALAZAR, Carmela Maria Giustina
2000

Abstract

La nota commenta la sentenza Badeck della Corte di Giustizia, mettendo in luce come la giurisprudenza di Lussemburgo abbia elaborato un orientamento nel quale l'ammissibilità delle azioni positive in favore delle donne è subordinata alla loro "flessibilità" e "ragionevolezza".
CORTE GIUSTIZIA UE; DIVIETO DI DISCRIMINAZIONE; AZIONI POSITIVE
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/20.500.12318/9455
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact