La buona fede dell’assicuratore al vaglio della Suprema Corte