La conoscenza del patrimonio culturale e delle sue condizioni in relazione a stato di conservazione, di manomissione e di utilizzazione si colloca al centro del dibattito degli stati a economia avanzata poiché la valorizzazione e la crescita economica sostenibile dei territori sono strettamente correlate alla qualità paesaggistica e culturale. Un paesaggio di qualità sostiene lo sviluppo dato che la bellezza dell'ambiente naturale e costruito attiva le risorse endogene. Il paesaggio è ormai considerato una risorsa qualificante, con elevate peculiarità idiosincratiche, diffusa, riproducibile ma non modificabile nelle componenti legate all'unicità della genesi storica, quasi completamente indissolubile dai luoghi, sensibilmente degradabile e a elevata attrattività. In particolare il “paesaggio culturale” (Legge n. 14 del 09.01.06; D.Lgs n. 42 del 22.01.2004) è una determinata parte di territorio in cui convergono forti valori di identità e diversità culturale per la presenza di un patrimonio materiale e immateriale significativo e connotante che nel suo insieme documenta l’interazione tra l’evoluzione naturalistica e l’attività dell'uomo. La complessità dei sistemi territoriali richiede uno studio preliminare delle interazioni e del livello di organizzazione degli elementi che lo costituiscono e una valutazione olistica e multidimensionale in grado di coglierne i molteplici aspetti. La ricerca illustra alcuni approcci e metodi di valutazione della qualità paesaggistica e culturale di possibile ausilio ai processi decisionali pubblici e privati. A partire da potenziali distretti culturali in cui si rileva una concentrazione di risorse culturali, la valutazione della qualità può costituire uno step fondamentale per cogliere: la complessità delle loro interazioni; il valore dei loro caratteri necessario a redigere rank orders con il fine di stabilire priorità d’intervento nella prospettiva della sostenibilità.

Qualità paesaggistica e culturale. Approcci e metodi di valutazione

MUSOLINO, Mariangela
2010

Abstract

La conoscenza del patrimonio culturale e delle sue condizioni in relazione a stato di conservazione, di manomissione e di utilizzazione si colloca al centro del dibattito degli stati a economia avanzata poiché la valorizzazione e la crescita economica sostenibile dei territori sono strettamente correlate alla qualità paesaggistica e culturale. Un paesaggio di qualità sostiene lo sviluppo dato che la bellezza dell'ambiente naturale e costruito attiva le risorse endogene. Il paesaggio è ormai considerato una risorsa qualificante, con elevate peculiarità idiosincratiche, diffusa, riproducibile ma non modificabile nelle componenti legate all'unicità della genesi storica, quasi completamente indissolubile dai luoghi, sensibilmente degradabile e a elevata attrattività. In particolare il “paesaggio culturale” (Legge n. 14 del 09.01.06; D.Lgs n. 42 del 22.01.2004) è una determinata parte di territorio in cui convergono forti valori di identità e diversità culturale per la presenza di un patrimonio materiale e immateriale significativo e connotante che nel suo insieme documenta l’interazione tra l’evoluzione naturalistica e l’attività dell'uomo. La complessità dei sistemi territoriali richiede uno studio preliminare delle interazioni e del livello di organizzazione degli elementi che lo costituiscono e una valutazione olistica e multidimensionale in grado di coglierne i molteplici aspetti. La ricerca illustra alcuni approcci e metodi di valutazione della qualità paesaggistica e culturale di possibile ausilio ai processi decisionali pubblici e privati. A partire da potenziali distretti culturali in cui si rileva una concentrazione di risorse culturali, la valutazione della qualità può costituire uno step fondamentale per cogliere: la complessità delle loro interazioni; il valore dei loro caratteri necessario a redigere rank orders con il fine di stabilire priorità d’intervento nella prospettiva della sostenibilità.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Musolino_2010_Paysage_Qualità_editor.pdf

solo utenti autorizzati

Descrizione: Articolo principale
Tipologia: Versione Editoriale (PDF)
Licenza: Non pubblico (Accesso privato/ristretto)
Dimensione 5.44 MB
Formato Adobe PDF
5.44 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/20.500.12318/1121
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact