La c.d. motivazione successiva tra attività di sanatoria e giudizio amministrativo