Le Sezioni Unite ‘‘ribadiscono’’ la compatibilità tra dolo d’impeto e aggravante della crudeltà