Sul ruolo creativo della giurisprudenza