Prime riflessioni sulle sentenze «miste» (ovvero: della fantasia della Corte)