Su alcuni rischi, forse mortali, della democrazia costituzionale contemporanea. Prime considerazioni