La sentenza “Lautsi” sul Crocefisso: summum jus summa iniuria?