The essay, written in a comparative perspective between the Italian constitutional order and the order of the European Union, is addressing the issue of freedom of association on the one hand by analyzing the textual data and on the other hand theoretical and applications principles adopted by the courts. The first part, in particular, analyzes, in the context of the Italian doctrine, the scope of the principle of negative freedom and the dialectical and conflictual relationship with the positive freedom of association, and then lead the investigation on the sources of the EU, considering on the one hand the principles laid down by the Charter of Fundamental Rights and the contributions of other European Courts, including the ECHR, in delineating the extent and value of the principle of freedom within the European Union. The conclusion of the paper is dedicated to the recent Jurisprudence of the European Court of Justice, critically evaluating, with a careful reconstruction of the debate in the literature is the balance between fundamental economic freedoms and collective rights that presides over European Court decisions. The essay falls into three quarterly issues of the journal, edited by B. Caruso De Luca and R. Tamajo, dedicated to "social rights between Community law and the Italian Constitution." It also appeared among the w.p. of C.S.D.L.E. International "Massimo D'Antona" (no. 78/2010) and Papers published online (2010) by the Constitutional Forum Constitutionalists.

Il saggio, scritto in una prospettiva comparativa fra l'ordinamento costituzionale italiano e l'ordinamento dell'Unione Europea, si occupa del tema della libertà sindacale analizzando da un lato il dato testuale e dall'altro i principi teorici ed applicativi adottati dalle Corti. La prima parte, in particolare, analizza, nel contesto della dottrina italiana, la portata del principio di libertà negativa e il rapporto dialettico e conflittuale con la libertà sindacale positiva, per poi portare l'indagine sul piano delle fonti comunitaria, valutando da un lato i principi posti dalla Carta dei diritti fondamentali e dall'altro gli apporti delle Corti europee, ivi compresa la Corte EDU, nel delineare i limiti e il valore del principio di libertà sindacale nell'ordinamento europeo. La conclusione del saggio è dedicata alla recente giurisprudenza della Corte dei Giustizia, valutando in chiave critica, con attenta ricostruzione del dibattito in dottrina, il bilanciamento fra libertà economiche fondamentali e diritti collettivi che presiede alle decisioni della Corte europea. Il saggio rientra nei tre numeri monografici della Rivista, a cura di Caruso B. e De Luca Tamajo R., dedicati a "I diritti sociali tra ordinamento comunitario e Costituzione italiana". Esso è apparso anche fra i w.p. dei C.S.D.L.E. International "Massimo D'Antona" (n. 78/2010) e nei Quaderni Costituzionali, 2010, pubblicati on line dal Forum dei Costituzionalisti.

La libertà sindacale in Italia e in Europa. Dai principi ai conflitti.

FONTANA, Giorgio
2010

Abstract

Il saggio, scritto in una prospettiva comparativa fra l'ordinamento costituzionale italiano e l'ordinamento dell'Unione Europea, si occupa del tema della libertà sindacale analizzando da un lato il dato testuale e dall'altro i principi teorici ed applicativi adottati dalle Corti. La prima parte, in particolare, analizza, nel contesto della dottrina italiana, la portata del principio di libertà negativa e il rapporto dialettico e conflittuale con la libertà sindacale positiva, per poi portare l'indagine sul piano delle fonti comunitaria, valutando da un lato i principi posti dalla Carta dei diritti fondamentali e dall'altro gli apporti delle Corti europee, ivi compresa la Corte EDU, nel delineare i limiti e il valore del principio di libertà sindacale nell'ordinamento europeo. La conclusione del saggio è dedicata alla recente giurisprudenza della Corte dei Giustizia, valutando in chiave critica, con attenta ricostruzione del dibattito in dottrina, il bilanciamento fra libertà economiche fondamentali e diritti collettivi che presiede alle decisioni della Corte europea. Il saggio rientra nei tre numeri monografici della Rivista, a cura di Caruso B. e De Luca Tamajo R., dedicati a "I diritti sociali tra ordinamento comunitario e Costituzione italiana". Esso è apparso anche fra i w.p. dei C.S.D.L.E. International "Massimo D'Antona" (n. 78/2010) e nei Quaderni Costituzionali, 2010, pubblicati on line dal Forum dei Costituzionalisti.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/20.500.12318/2942
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact