L’articolo, in due parti, esplora i molteplici aspetti del soggiorno di formazione a Roma nella seconda metà del Settecento di molti giovani architetti o aspiranti tali provenienti da tutta Europa, e della sua influenza nella nascita e nella diffusione del linguaggio neoclassico di cui molti di tali giovani furono protagonisti.In questo contesto si affrontano le vicende di una intera generazione di architetti animati dal desiderio di fondare un nuovo linguaggio sulle basi dello studio dell’antico, a Roma. Una generazione che si poneva esplicitamente in un rapporto di continuità critica con quella dei grandi maestri del Rinascimento.

La generazione dell’Antico. Giovani architetti d’Europa a Roma: 1750-1780 (prima e seconda parte)

MANFREDI, Tommaso
2006

Abstract

L’articolo, in due parti, esplora i molteplici aspetti del soggiorno di formazione a Roma nella seconda metà del Settecento di molti giovani architetti o aspiranti tali provenienti da tutta Europa, e della sua influenza nella nascita e nella diffusione del linguaggio neoclassico di cui molti di tali giovani furono protagonisti.In questo contesto si affrontano le vicende di una intera generazione di architetti animati dal desiderio di fondare un nuovo linguaggio sulle basi dello studio dell’antico, a Roma. Una generazione che si poneva esplicitamente in un rapporto di continuità critica con quella dei grandi maestri del Rinascimento.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/20.500.12318/2975
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact