Perché la violenza: la prospettiva di Sergio Cotta